Archivi del mese: settembre 2012

Raimondo Mirabile, futurista, di Graziano Versace

La copertina di "Raimondo Mirabile, futurista", di Graziano Versace  “Raimondo Mirabile, Futurista” è il romanzo grazie al quale Graziano Versace si è affermato quale vincitore del  Premio  iNarratori 2008, sezione Fantascienza; Edizioni XII ha in seguito confermato l’apprezzamento pubblicandolo nel 2010 nella collana Eclissi.

Una scelta affascinante, quella di ambientare la storia – appoggiata su un narratore omodiegetico nella tradizione del maggiore romanzo d’investigazione – in una fumosa Milano degli inizi del Novecento, propriamente ancora ottocentesca ma già proiettata nel futuro, che niente potrebbe invidiare ad una città partorita dalla fantasia di Jules Verne e al contempo è attraversata dal subbuglio e dalla verve marinettiani: per ritrovarsi invasa da una setta esoterica aliena che…

Maria Amici

Una recensione dal sito della Casa editrice XII

Una serie di recensioni esterne presentate dal sito della casa editrice

Un’altra recensione? Clicca qui

Il booktrailer

Annunci

Scrittori e scritture: Graziano Versace (in fieri)

  Graziano Versace,  Graziano Versace

  docente di Materie Letterarie e Latino con notevoli trascorsi di
p s i c o t e r a p e u t a   u m a n i s t i c o – esistenziale, autore del recente “Il ragazzo che giocava con le stelle, non è alla prima esperienza narrativa.

La copertina di "Raimondo Mirabile, futurista", di Graziano Versace

  Segnalatosi quale vincitore del Premio  iNarratori 2008, sezione Fantascienza, con il romanzo “Raimondo Mirabile, futurista”, edito nel 2010 nella collana Eclissi di Edizioni XII, nel 2009 pubblica un libro di narrativa per la scuola dal titolo “Biglie colorate” (con M. Munafò; ed. AG).

  Le Edizioni San Paolo ospitano rispettivamente nello stesso anno e nel 2011 due suoi titoli: “Ladri di locandine” e “Tutto il mondo dentro” (qui l’incipit).

 La copertina di "Ladri di locandine" di Graziano Versace

Tutto il mondo dentro, di Graziano Versace

  Del 2012, per CIESSE Edizioni, è “Noos. Il canto del Mondo” .

  In uscita in novembre 2012, “I dodici punti”, edito da Leucotea; per il periodo natalizio dello stesso anno, contemporaneamente esce, riscuotendo già profondo interesse, il suo “L’angelo spezzato(qui l’incipit), ancora per i tipi delle Edizioni San Paolo.

Leopardi ritratto da Morelli - ritenuto l'immagine più fedele del poeta

Leopardi ritratto da Morelli – ritenuta l’immagine più fedele del poeta

All’inizio di dicembre, sul noto circuito di scrittura e lettura Samgha, viene pubblicato e reso interamente disponibile al pubblico (insieme con una breve intervista all’Autore, “uno scrittore fuori dal giro”), un attesissimo racconto inedito, il vibrante e vertiginoso L’amor sospeso, che ad insolito protagonista assume Giacomo Leopardi (qui su Nephelai un’esperienza di lettura e un invito).

il ragazzo versace imgFACNell’ottobre 2013, Graziano Versace pubblica il suo nuovo, intenso romanzo, “ Il ragazzo che giocava con le stelle „ , ancora per le Edizioni San Paolo (qui un commosso ricordo su Nephelai).

et quod sequitur
Maria Amici

I dodici punti, di Graziano Versace

L'angelo spezzato, di Graziano Versace


scrivere..

“Scrivere è una malattia,
come la perla”

Robert Musil, da L’uomo senza qualità.


“Scrivere è una malattia, come la perla”

“I libri, la scrittura, l’invenzione… sono ricordi e malattie dell’intimo.
I libri sono ferite dell’anima.
L’ostrica costruisce perle vere, io forse no, le mie sono forse perle false.
Però questo so fare.
La perla è la malattia dell’ostrica.
Scrivere è una malattia; mi costano molto queste cose luccicanti che cerco di costruire„

Anna Maria Ortese, 1996

– la frase citata come titolo orientativo del post è di Robert Musil, da L’uomo senza qualità. –


I dodici punti, di Graziano Versace – (preview)

  La copertina del nuovo libro di Graziano Versace, per i tipi di Leucotea Edizioni, la cui uscita è programmata per novembre 2012.

Dodici punti frutta in graduatoria un anno di incarichi in sostituzione di docenti assenti: ma sul filo d’Arianna delle sei supplenze – donde il titolo – il nuovo libro di Graziano Versace, “I dodici punti”, riprende, dopo la recente esperienza di “Noos. Il canto del mondo”, ancora una volta un’odissea umana: quella di un insegnante precario in un momento storico e in un contesto sociale in cui la scuola, come istituzione oggi più che mai sofferente di trascuratezza e negligenza da parte di società e politica, mostra di fatto d’aver perso il senso d’orientamento e forse persino il proprio significato fondante, finendo per cercare la deriva in un crescendo di autoreferenzialità – senza distinzione di età e ruoli -, in tutto e per tutto specchio di un macrocosmo ugualmente insensato, opportunista, talora corrotto, sempre indifferente, caino non meno che suicida.

Se, inoltre, la tematica si rivela assai attuale, è affrontata tuttavia senza furbizie né ammicchi, con competenza, lealtà e onestà intellettuale, sorrette da un vigoroso senso civico.

Un libro dalla prosa avvincente e lucida, da un autore intelligente e coraggioso…

Maria Amici


Dimenticare…

Jorge Luis Borges, da “Elogio dell’ombra”
(Meridiani Mondadori – Vol.2, pag. 349)
“LEGGENDA”

“Abele e Caino si incontrarono dopo la morte di Abele. Camminavano nel deserto e si riconobbero da lontano, perché erano ambedue molto alti.

I fratelli sedettero in terra, accesero un fuoco e mangiarono.

Tacevano, come fa la gente stanca quando declina il giorno.

Nel cielo spuntava qualche stella, che non aveva ancora ricevuto il suo nome.

Alla luce delle fiamme, Caino notò sulla fronte di Abele il segno della pietra e lasciando cadere il pane che stava per portare alla bocca chiese che gli fosse perdonato il suo delitto.

Abele rispose: “Tu mi hai ucciso o io ho ucciso te? Non ricordo più; stiamo qui insieme come prima”

“Ora so che mi hai perdonato davvero” disse Caino”, perché dimenticare è perdonare.

Anch’io cercherò di dimenticare”.

Abele disse lentamente: “E’ così. Finché dura il rimorso dura la colpa!”


letture


Per una bibliografia pirandelliana – in itinere

Per una bibliografia pirandelliana

Sommario

Per una bibliografia pirandelliana… 1

Sommario… 1

La vita, la cultura, la poetica di Luigi Pirandello… 1

I romanzi e le novelle di Pirandello… 3

Il teatro di Pirandello… 4

Pirandello: monografie e saggi complessivi… 4

Pirandello, Il Fu Mattia Pascal… 6

Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore… 7

Pirandello, Lingua e lessico… 8

NotadiN: Si usano temporaneamente come base i “Percorsi bibliografici” sul “Primo Novecento” realizzati da Romano Luperini e Pietro Cataldi di cui si trova una “versione html a cura di Riccardo Castellana” a questo indirizzo (clicca qui). La punteggiatura e la divisione in paragrafi sono state modificate.

Poiché essi non tengono conto delle pubblicazioni più recenti, si tenterà di aggiornare l’elenco ragionato. La bibliografia consapevolmente non sarà comunque esaustiva – e comunque abbiamo appena iniziato…

Sulla bibliografia pirandelliana

Bibliografia pirandelliana: atti di convegni e articoli di riviste sull’opera e la figura di Luigi Pirandello : 1937-1995 (autore: Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione), a cura di Lucia Tardino, (ed.) Biblioteca-Museo Luigi Pirandello, Agrigento (?) 1996

Bibliografia pirandelliana 1936-1996: 60 anni di studi critici in atti di convegni, cataloghi di mostre e raccolte di saggi dedicati al drammaturgo agrigentino, a cura di Cristina Angela Iacono, (ed.), Regione siciliana, Assessorato dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione, 2000, 352 pagine

La vita, la cultura, la poetica di Luigi Pirandello

D’interesse sia per la ricostruzione biografica sia di per sé sui carteggi pirandelliani, si vedano:

Sugli anni giovanili:

L. Pirandello, Lettere giovanili da Palermo e da Roma 1886-1889, Bulzoni, Roma 1993;

Lettere da Bonn, a cura di E. Providenti, Bulzoni, Roma 1984;

Epistolario familiare giovanile, a cura di E. Providenti, Le Monnier, Firenze 1986;

Lettere della formazione 1891-1898, a cura di E. Providenti, Bulzoni, Roma 1996;

Carteggi inediti [con Ojetti – Albertini – Orvieto – Novaro – De Gubernatis – De Filippo], a cura di S. Zappulla Muscarà, Bulzoni, Roma 1980.

In particolare sull’epistolario col figlio Stefano:

L. Pirandello, S. Pirandello, Il figlio prigioniero: carteggio tra Luigi e Stefano Pirandello durante la guerra 1915-1918, a cura di Andrea Pirandello,  A. Mondadori, Milano 2005 – ISBN 8804535814, 9788804535812

L. Pirandello, S. Pirandello, Nel tempo della lontananza, 1919-1936, a cura di Sarah Zappulla Muscarà, S.Sciascia, 2008 (2.ed.) – ISBN 8882412695, 9788882412692

 

In particolare sull’epistolario Pirandello-Abba:

A Marta Abba per non morire, a cura di P. Frassica, Mursia, Milano 1991;

Marta Abba, Caro Maestro…, Lettere a Luigi Pirandello (1926-1936), a cura di Pietro Frassica, Mursia, Milano 1994 (Collana Prima Persona, Carteggi), progetto di Valentina Fortichiari

___________

Cfr. anche:

M.L. Aguirre, Vivere con Pirandello, Mondadori, Milano 1989.

Per la cultura e la poetica e per Pirandello saggista, cfr.:

Saggi, poesie e scritti vari, a cura di M. Lo Vecchio Musti, Mondadori, Milano 1960 (il libro comprende anche tutte le poesie).

Le poesie si possono leggere anche in L. Pirandello, Tutte le poesie, a cura di M. Lo Vecchio Musti, Mondadori, Milano 1996.

Il saggio L’umorismo si trova anche nelle edizioni economiche Oscar Mondadori, a cura di G. Guglielmino.

Una selezione di saggi, fra cui quello sull’Umorismo, è uscita con il titolo L’umorismo e altri saggi, a cura di E. Ghidetti, Giunti, Firenze 1994.

La migliore biografia di Pirandello è spesso considerata quella di G. Giudice, Luigi Pirandello, Utet, Torino 1963, ora come ora “attempata”.

Ho trovato utile, anche per l’inserimento di brani dalle lettere, la biografia di Giuseppe Bonghi, parte del suo Progetto Luigi Pirandello, scaricabile anche in pdf .

Molto utili sono poi le dettagliate cronologie inserite nei volumi:

Tutti i romanzi, Novelle per un anno, Maschere nude, a cura di M. Costanzo nelle prime due opere e di A. d’Amico nella terza, uscite nei Meridiani Mondadori (Milano) rispettivamente nel 1973, nel 1986-90 e nel 1987.

Per i rapporti di Pirandello con il fascismo, cfr. G.F. Venè, Pirandello fascista, in ID., Il capitale e il poeta, Sugar, Milano 1982 (ma la tesi del saggio – Pirandello sarebbe stato integralmente e organicamente fascista – è univoca e priva di sfumature e distinzioni).

Per la cultura, la filosofia e la poetica di Pirandello si consiglia:

C. Vicentini, L’estetica di Pirandello, Mursia, Milano 1980.

Ma utili indicazioni si trovano anche nelle monografie di:

G. Macchia, Pirandello o la stanza della tortura, Mondadori, Milano 1982, e di

R. Barilli, Pirandello. Una rivoluzione culturale, Mursia, Milano 1986.

Di grande utilità sono poi due volumi del Centro Nazionale di Studi Pirandelliani di Agrigento: AA.VV., Pirandello saggista, a cura di P.D. Giovanelli, Palumbo, Palermo 1982, e AA.VV., Pirandello e la cultura del suo tempo, a cura di S. Milioto e E. Scrivano, Mursia, Milano 1984.

Sulla poetica di Pirandello, cfr. anche:

G. Guglielmi, La prosa italiana del Novecento. Umorismo, metafisica, grottesco, Einaudi, Torino 1986.

Sul rapporto con l’Espressionismo, cfr. G. Corsinovi, Pirandello e l’espressionismo, Tilgher, Genova 1977.

In generale:

Marco Manotta, Luigi Pirandello, Pearson Italia S.p.a., ? 1998, ISBN 8842494771, 9788842494775

L. Pirandello, Interviste a Pirandello: parole da dire, uomo, agli altri uomini, ? Rubbettino Editore, 2002

Nino Borsellino, Il dio di Pirandello: creazione e sperimentazione, Sellerio, Palermo 2004 – ISBN 8838919836, 9788838919831

Roberto Alonge, Pirandello, Laterza, Bari 1997

Luciano Lucignani, Pirandello, la vita nuda, Giunti, ? 1999

I romanzi e le novelle di Pirandello

Per le opere, cfr. Tutti i romanzi, a cura di G. Macchia, Mondadori, Milano 1973.

Molto utili sono le edizioni commentate da G. Mazzacurati di Il fu Mattia Pascal, di Uno, nessuno e centomila e di L’esclusa, uscite da Einaudi, Torino 1993, 1994 e 1995,

e quella dei Quaderni di Serafino Gubbio operatore, commentata da M.A. Grignani e con introd. di N. Borsellino, Garzanti, Milano 1993.

Per Novelle per un anno l’ediz. Mondadori, a cura di M. Costanzo, è uscita in tre volumi e in sei tomi fra il 1986 e il 1990;

ma cfr. anche l’ediz. a cura di P. Gibellini, Giunti, Firenze 1994, voll. 3, che ha il vantaggio di essere commentata.

Sui romanzi in generale cfr.:

G. Debenedetti, Il romanzo del Novecento, Garzanti, Milano 1971;

AA.VV., Il romanzo di Pirandello, a cura di E. Lauretta, Palumbo 1976;

R. Dombroski, La totalità dell’artificio. Ideologia e forma nel romanzo di Pirandello, Liviana, Padova 1978;

G. Mazzacurati, Pirandello nel romanzo europeo, Il Mulino, Bologna 1987.

In particolare sui primi romanzi:

N. Borsellino, Stratigrafia dell’”Esclusa”, in ID., Ritratto e immagini di Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1991 [1983] e

G. Petronio, Restauri letterari da Verga a Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1990.

Su I vecchi e i giovani in particolare, cfr. V. Spinazzola, Il romanzo antistorico, Editori Riuniti, Roma 1990.

Sui Quaderni di Serafino Gubbio operatore in particolare, cfr. F. Angelini, Serafino e la tigre. Pirandello fra scrittura, teatro e cinema, Marsilio, Padova 1990.

Su Uno, nessuno e centomila, cfr. AA.VV., Nuvole e vento. Introduzione alla lettura di “Uno, nessuno e centomila”, a cura di S. Milioto, Edizioni del Centro Nazionale di Studi Pirandelliani, Agrigento 1989.

Critica sulle novelle: fondamentale è

AA.VV., Le novelle di Pirandello. Atti del VI Convegno Internazionale di Studi Pirandelliani, a cura di S. Milioto, Edizioni del Centro Nazionale di Studi Pirandelliani, Agrigento 1980, con saggi, fra gli altri, di G. Petronio, L. Lugnani, U. Schulz Bushhaus.

Cfr. inoltre:

G. Debenedetti, “Una giornata” di Pirandello, in ID., Saggi critici. Seconda serie, a cura di W. Pedullà, Marsilio, Venezia 1990 (ma il saggio è del 1937);

B. Terracini, Le “Novelle per un anno” di Luigi Pirandello, in ID., Analisi stilistica. Teoria, storia, problemi, Feltrinelli, Milano 1966;

G. Guglielmi, Mondo di carta, in ID., Ironia e negazione, Einaudi, Torino 1974;

G. Pirodda, Il relativismo pirandelliano nelle “Novelle per un anno”. Ideologia e forma narrativa, in AA.VV., Letteratura e società. Scritti di italianistica e di critica letteraria per Giuseppe Petronio, Palumbo, Palermo 1980;

R. Luperini, Allegorismo “versus” simbolismo: Pirandello e d’Annunzio novellieri, in ID., L’allegoria del moderno, Editori Riuniti, Roma 1990.

Il teatro di Pirandello

L’edizione integrale di Maschere nude ancor oggi preferibile è quella dei

“Classici Italiani Contemporanei” di Mondadori, Milano 1958, voll. 2;

mentre nei Meridiani, sempre di Mondadori, è cominciata a uscire, a partire dal 1987, una nuova ediz., a cura di A. d’Amico.

Una recente edizione economica delle Maschere nude è a cura di

I. Borzi e M. Argenziana, Newton, Roma 1993, voll. 4.

Le opere teatrali in dialetto sono state pubblicate da S. Zappulla Muscarà, Bompiani, Milano 1992.

Per la critica sono da vedersi intanto i seguenti volumi collettivi e atti di convegni:

AA.VV., Pirandello e il teatro, Palumbo, Palermo 1985; AA.VV., Testo e messa in scena in Pirandello, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1986 e Pirandello capocomico, a cura di A. d’Amico, Sellerio, Palermo 1987.

Per singoli studi cfr. inoltre:

M. Baratto, Da Ruzante a Pirandello, a cura di G. Mazzacurati, Liguori, Napoli 1990 (ma il saggio principale è del 1967);

P. Szondi, Teoria del dramma moderno, Einaudi, Torino 1972;

F. Angelini, Il teatro del Novecento da Pirandello a Fo, Laterza, Bari 1975;

P. Puppa, Dalle parti di Pirandello, Bulzoni, Roma 1987;

C. Segre, Teatro e romanzo, Einaudi, Torino 1984 e

ID., Intrecci di voci, ivi 1991.

Claudio Vicentini, Pirandello il disagio del teatro, Saggi Marsilio, Venezia 1993

Sui miti teatrali e sui Giganti della montagna, cfr.

AA.VV., I miti di Pirandello, a cura di E. Lauretta, Palumbo, Palermo 1975;

P. Puppa, Fantasmi contro giganti, Patron, Bologna 1978.

Una utile lettura recente di Sei personaggiEnrico IV e I giganti della montagna è in

C. Donati, Il sogno e la ragioneSaggi pirandelliani, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1993.

Pirandello: monografie e saggi complessivi

Per una storia della critica, cfr.

G. Ferroni, Luigi Pirandello, in AA.VV., I classici italiani nella storia della critica, a cura di W. Binni, vol. III: Da Fogazzaro a Moravia, La Nuova Italia, Firenze 1977, da integrare, per la critica più recente, con

F. Angelini, Il punto su: Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1992, con ant. della critica.

Ricordiamo intanto i lavori principali relativi alla ricezione di Pirandello prima del 1955.

Per la critica vociana, in genere negativa:

G. Boine, Plausi e botte, ora in ID., Il peccato, Plausi e botte. Frantumi. Altri scritti, a cura di D. Puccini, Garzanti, Milano 1983 e

R. Serra, Scritti letterari, morali e politici, a cura di M. Isnenghi, Einaudi, Torino 1974.

Per il giudizio di F. Tozzi, Realtà di ieri e di oggi, Alpes, Milano 1928 e per quello di

M. Bontempelli, Introduzioni e discorsi, Bompiani, Milano 1945;

le recensioni di A. Gramsci sono nel suo Marxismo e letteratura, a cura di G. Manacorda, Editori Riuniti, Roma 1974.

Cfr. anche A. Tilgher, Studi sul teatro contemporaneo, Libreria di Scienze e Lettere, Roma 1922.

Per le opposte valutazioni di Croce e di Benjamin, cfr. :

B. Croce, Luigi Pirandello, in ID., Letteratura della nuova Italia, vol. VI, Laterza, Bari 1945 e

W. Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino 1966.

Dopo il 1955, i contributi principali della critica marxista e storicista degli anni Sessanta-Settanta sono:

C. Salinari, La coscienza della crisi, in ID., Miti e coscienza del decadentismo italiano, Feltrinelli, Milano 1960;

A. Leone de Castris, Storia di Pirandello, Laterza, Bari 1962 (più volte ristampata) e Del rigore di Pirandello, in ID., Il decadentismo italiano, De Donato, Bari 1974, poi Laterza, Roma-Bari 1991.

Per la critica psicoanalitica, oltre a G. Debenedetti, Il romanzo del Novecento, Garzanti, Milano 1971, cfr.

M. Gardair, Pirandello e il suo doppio, Abete, Roma 1977;

E. Gioanola, Pirandello, la follia, Il Melangolo, Genova 1983 e poi Jaca Book, Milano 1997 (nuova edizione arricchita).

Per la critica comparatistica, cfr.

G. Mazzacurati, Pirandello nel romanzo europeo, cit. in TS 2 e

W. Krysinski, Il paradigma inquieto. Pirandello e lo spazio comparativo della modernità, a cura di C. Donati, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1988;

per la critica del Gruppo 63, cfr.

R. Barilli, Pirandello. Una rivoluzione culturale, Mursia, Milano 1986 (raccoglie tutti gli scritti precedentemente pubblicati, a partire dal 1964);

per la critica semiologica e stilistica si veda soprattutto

M. A. Grignani, Retoriche pirandelliane, Liguori, Napoli 1993;

per la critica neoermeneutica, cfr.

Umberto Artioli, L’officina segreta di Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1989.

Fra le monografie e le raccolte di saggi più utili uscite dagli anni Ottanta a oggi segnaliamo:

G. Macchia, Pirandello o la stanza della tortura, Mondadori, Milano 1981;

L. Lugnani, L’infanzia felice e altri saggi su Pirandello, Liguori, Napoli 1986;

N. Borsellino, Ritratto e immagini di Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1991;

R. Luperini, Introduzione a Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1992;

C. Donato, Il sogno e la ragione. Saggi pirandelliani, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1993;

G. Mazzacurati, Stagioni dell’apocalisse, Einaudi, Torino 1998.

Sull’ideologia politica e filosofica e sulla cultura di Pirandello, cfr.

A. Leone de Castris, Storia di Pirandello, Laterza, Bari 1962;

G. Macchia, Pirandello o la stanza della tortura, Mondadori, Milano 1981 e

G. Petronio, Restauri letterari da Verga a Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1990.

Fra gli altri lavori menzionati nella storia della ricezione, cfr.

B. Croce, Luigi Pirandello, in ID., Letteratura della nuova Italia. Saggi critici, VI, Laterza, Bari 1945;

R. Barilli, Pirandello. Una rivoluzione culturale, Mursia, Milano 1986;

G. Mazzacurati, Pirandello nel romanzo europeo, Il Mulino, Bologna 1987;

R. Luperini, Tematiche del moderno e tramonto dell’”Erlebnis” in Pirandello romanziere, in ID., L’allegoria del moderno, Editori Riuniti, Roma 1990.

Pirandello, Il Fu Mattia Pascal

Per il testo del romanzo, oltre a

Tutti i romanzi, nelle Opere di Pirandello, a cura di G. Macchia, I Meridiani, Mondadori, Milano 1986, vol. I, si veda la recente edizione ottimamente commentata da

G. Mazzacurati, Einaudi, Torino 1993.

Come guida didattica alla lettura si consiglia

R. Luperini, Luigi Pirandello e Il fu Mattia Pascal, Loescher, Torino 1990.

Claudia Sebastiana Nobili, Pirandello: guida al Fu Mattia Pascal, Carocci, ? 2004

Due libri di saggi considerano tutti gli aspetti del romanzo.

Si tratta di:

AA.VV., Il romanzo di Pirandello, a cura di E. Lauretta, Palumbo, Palermo 1976 e

AA.VV., Lo strappo nel cielo di carta. Introduzione alla lettura del “Fu Mattia Pascal”, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1988.

Sul rapporto fra il romanzo e l’umorismo, cfr.

G. Guglielmi, La prosa italiana del Novecento. Umorismo, metafisica, grottesco, Einaudi, Torino 1986.

Sulla struttura del romanzo e sugli aspetti stilistici, cfr.

M. Guglielminetti, Il soliloquio di Pirandello, in ID., Il romanzo del Novecento. Strutture e sintassi, Editori Riuniti, Roma 1986;

A. Marchese, Il fu Mattia Pascal: anatomia di un romanzo, in ID., Il segno letterarioI metodi della semiotica, D’Anna, Firenze 1987 e soprattutto

M. Antonietta Grignani, Retoriche pirandelliane, Liguori, Napoli 1993.

Per un’interpretazione psicoanalitica e per il tema del “doppio”, cfr.

G. Debenedetti, Il romanzo del Novecento, Garzanti, Milano 1971;

M. Gardair, Pirandello e il suo doppio, a cura di

G. Ferroni, Abete, Roma 1977, ed

E. Gioanola, Pirandello, la follia, Il Melangolo, Genova 1983.

Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore

Sei personaggi in cerca d’autore è compreso nelle Maschere nude, da leggersi nella collana dei “Meridiani” (Mondadori, Milano), in una nuova edizione diretta da G. Macchia a partire dal 1986.

Si trova qui nel vol. II, a cura di A. D’Amico, uscito nel 1993 e poi ristampato nel 1997.

Molto utile anche l’edizione dei

Sei personaggi, a cura di G. Davico Bonino, Einaudi, Torino 1993, ricca di documenti e di apparati.

Per la critica,

P. Szondi, Teoria del dramma moderno, Einaudi, Torino 1972;

U. Artioli, L’officina segreta di Pirandello, Laterza, Roma-Bari 1989;

C. Segre, La comunicazione teatrale in Pirandello, in ID., Intrecci di voci. La polifonia nella letteratura del Novecento, Einaudi, Torino 1991;

E. Gioanola, Pirandello, la follia, Jaca Book, Milano 1997 (nuova edizione ampliata e integrata di un volume già uscito nel 1983);

F. Angelini, Sei personaggi in cerca d’autore, in AA.VV., Letteratura italiana. Le opere, diretta da A. Asor Rosa, vol. IV. 1: Il Novecento. L’età della crisi, Einaudi, Torino 1995.

Ricordiamo infine altri due lavori che per la loro chiarezza possono risultare utili anche sul piano didattico:

R. Alonge, Le messinscene dei “Sei personaggi in cerca d’autore” (in AA.VV., Testo e messa in scena in Pirandello, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1986), che fornisce anche una storia della fortuna teatrale dell’opera, e

C. Donati, “Sei personaggi” e l’orchestrazione delle incongruenze, in ID., Il sogno e la ragione. Saggi pirandelliani, Edizioni Scientifiche Italiane, Roma 1993.

Pirandello: Lingua e lessico

Michael Rössner e Alessandra Sorrentino, Pirandello e la traduzione culturale, Carocci 2012

“Pirandello e la lingua: atti del XXX Convegno internazionale di Agrigento” (1994).

M. Verdenelli, “La vocazione antiletteraria della lingua teatrale di Pirandello” 2007, in
Lingua del teatro fra D’Annunzio e Pirandello : atti del convegno di studi, Macerata, 19-20 ottobre 2004. – ( Quaderni linguistici, letterari e filologici / Dipartimento di ricerca linguistica, letteraria e filologica, Università di Macerata)

S. Stefanelli, Va in scena l’italiano: la lingua del teatro tra Ottocento e Novecento, ed. Cesati 2006

A. Pagliaro, Teoria e prassi linguistica di Luigi Pirandello, in «Bollettino del Centro di studi filologici e linguistici siciliani», X, 1969, pp.249-293

G. Nencioni, L’interiezione nel dialogo teatrale di Pirandello (1977), in Id., Tra grammatica e retorica. Da Dante a Pirandello, Torino, Einaudi, 1983, pp. 210-253;

M. L. Altieri Biagi, La lingua in scena: dalle novelle agli atti unici, in AA.VV., Gli atti unici di Pirandello (tra narrativa e teatro), a cura di S. Milioto, Agrigento, Centro nazionale di Studi Pirandelliani, 1980, poi in Id., La lingua in scena, Bologna, Zanichelli, 1980

L. Sedita, La maschera del nome. Tre saggi di onomastica pirandelliana, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1988

L. Salibra, Lessicologia d’autore. Studi su Pirandello e Svevo, Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1990

L. Serianni, Lettura linguistica di Pensaci, Giacomino!, in «Studi linguistici Italiani», XVII, 1991, fasc. 1, pp. 55-70.


da qualche giorno..

..questo |spazio| è attivo.. e riceve delle attestazioni di gradimento.

Non posso che ringraziare.

Spero esso continui a interessare e a meritarle.


Ai miei libri così bello rivolgermi..

Unto my Books – so good to turn –
Far ends of tired Days –
It half endears the Abstinence –
And Pain – is missed – in Praise –

As Flavors – cheer Retarded Guests
With Banquettings to be –
So Spices – stimulate the time
Till my small Library –

It may be Wilderness – without –
Far feet of failing Men –
But Holiday – excludes the night –
And it is Bells – within –

I thank these Kinsmen of the Shelf –
Their Countenances Kid
Enamor – in Prospective –
And satisfy – obtained –

Ai miei Libri – così bello rivolgermi –
Ultimo lembo di stanche Giornate –
Che fa quasi amare l’Astinenza –
E la Pena – trascurare – nel Plauso –

Come le Fragranze – allietano gli Ospiti in Ritardo –
Con promesse di Banchetti –
Così gli Aromi – stimolano il tempo
Fino alla mia piccola Biblioteca –

Può esserci il Deserto – là fuori –
Lontani passi di Uomini imperfetti –
Ma la Festa – esclude la notte –
Ed è Scampanio – dentro –

Ringrazio questi Parenti dello Scaffale –
Le loro Fisionomie di Pelle
Innamorano – nell’Attesa –
E appagano – ottenuti –

Emily Dickinson

J 604 (1862) / F 512 (1863)


Emeroteca Maurolico Messina

Emeroteca del Liceo Classico "Maurolico" di Messina

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Oggi nella Storia

"Oggi nella Storia" è un almanacco storico. Ogni giorno, scorrendo il calendario all'indietro, l'appuntamento con un avvenimento del passato.

Non solo Mozart

Il blog di Rita Charbonnier: scritture, ascolti, visioni

Nephelai

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Andrea Amici

Musica e scrittura nel labirinto della conoscenza umana

Il Blog di SanPaoloStore

Il Blog Ufficiale di San Paolo Store. Trovi recensioni e consigli su libri italiani, libri religiosi, libri per bambini, film in dvd e musica , oggetti sacri e articoli religiosi disponibili all'acquisto su SanPaolostore.it

Profumo d'antan

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

LA LOCANDIERA

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

Andrea Amici

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Non solo Mozart

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert