“Sono stata fuori con Lei ieri sera al cinema…”

Luigi Pirandello, Lettere a Marta Abba, copertinaAl lettore accorto, scevro di pregiudizi – tanto più incompatibili con la comprensione autentica di un Pirandello -, incline alla ricerca e a risentire dentro di sé, mentre non sfugge all’obiettività disinteressata e al metodo scientifico, la condivisione dell’umanità profonda dello Scrittore (con interesse peraltro non banalmente ‘biografico’), sprazzi di intensa suggestione  offre il carteggio tra Marta Abba e Luigi Pirandello [1]**: non solo in quelle dell’insigne Innamorato ma

persino nelle lettere scritte dall’attrice, amica e collaboratrice: e malgrado l’effettivo – e rilevato dal sensibile curatore dell’epistolario di lei, Pietro Frassica [2]

salto funzionale fra i due epistolari, non dato dalla scontata differenza di qualità letteraria, ma proprio dalla presenza di due diversi “discorsi”, l’uno appassionato e «inutile» [3], l’altro piano e tutto informativo, perfettamente sordo ai disperati appelli, impliciti o espliciti, del pur venerato interlocutore”.

Marta Abba a tali appelli non risponde mai [4].

Né peraltro, leggendo le sue lettere – che invece temevo e forse mi aspettavo mi avrebbero scoperto invece proprio quella Abba -, mi è parsa arcigna, interessata, spietata, arrampicatrice come è stata spesso disegnata (dando credito a quella che può apparire – e se lo sia non possiamo dirlo – una campagna di diffamazione ‘orientata’ e ‘pilotata’?).

Marta Abba e Palazzeschi tra il pubblico alla commemorazione di Pirandello. Roma Teatro Valle a Roma 27.06.1961

Marta Abba e Palazzeschi tra il pubblico alla commemorazione di Pirandello. Roma Teatro Valle a Roma 27.06.1961

Talvolta, malgrado lo schermo impostosi, si colgono comunque nella scrittura di Marta Abba impulsi sotterranei di un’amicizia intensa, salda: che resistette

..al tempo – negli undici anni da quando si conobbero in parte riflessi nel carteggio, ma anche nel mezzo secolo in cui sarebbe sopravvissuta al Maestro

..alle difficoltà, spesso gravi ed estese nel tempo, d’ogni genere e matrice…

Marta Abba interprete della Figliastra nei Sei personaggi in cerca d'Autore, messinscena del Teatro d'Arte diretto da L.Pirandello, 1925. - Immagine reperita su web, i diritti appartengono ai rispettivi proprietari

Marta Abba interprete della Figliastra nei Sei personaggi in cerca d’Autore, messinscena del Teatro d’Arte diretto da L.Pirandello, 1925. – Immagine reperita su web, i diritti appartengono ai rispettivi proprietari

..ai pregiudizi, alle malignità e ai fraintendimenti, dei quali – come anche per la sua scelta (maturata con Pirandello e con lui condivisa sia come attrice, sia come ‘capocomica’, direttrice di Compagnia) di un teatro, di un repertorio, di una forma interpretativa portatori di un difficile “rinnovamento” [5]** – ella avrebbe pagato un prezzo altissimo e tuttora implacato [6]

..alla differenza d’età e di personalità, di registri e intendimenti del e nel loro rapporto…

Pirandello, Quando si è qualcuno, a cura di Marta Abba, copertina sigaretta senza link..alla scelta di relazionarsi con un uomo, un Qualcuno [7], geniale, famoso, disperato: che aveva in precedenza e anche dopo averla incontrata, per averla incontrata, “sofferto” [8] quant’altri mai; un uomo che a lei si era volto come la sua divinità [9], la sua ispiratrice [10], soprattutto il suo ‘tu’, quel respiro confidente dell’anima che non aveva mai sperimentato [11]: pur sapendola renitente per tanti motivi, che egli probabilmente conosceva o intuiva ma che oggi, dall’esterno, non si ha pieno diritto né di sondare né, peraltro, di aggirarli per mettere in dubbio la densità del rapporto.

Pirandello legge a Marta Abba "Trovarsi", Lido di Camaiore, Agosto? 1932

Pirandello legge a Marta Abba “Trovarsi”, Lido di Camaiore, Agosto? 1932

Si riconoscono nelle lettere, infatti, indizi fulminei che in pochi tratti evidenziano come quella relazione vivesse di un’“intimità non intima” [12]: eppure intimità.

Tali indizi disvelerebbero anche da parte dell’attrice un “autentico affetto” [13], una confidenza profonda che non teme il confronto e persino il disaccordo (che non è tuttavia mai dis-cordia, divisione tra i corda) …

Marta AbbaSi indovinano momenti di non più che rari abbandono ed effusione, in cui ella giunge a confidarsi, con la difficoltà propria di un tormentato riserbo e spesso chiedendo al Maestro di distruggere [14] le lettere – cosa che Egli, spesso, fa malgrado le resistenze affettive -, e ad affidarsi a Lui

«giacché  – gli scrive – Lei è un altro me stesso» [15].

Sprazzi quali appunto talora baluginano e subito si rifugiano nel non detto, nell’impossibile, nella riservatezza e nell’estremo pudore di una scelta altra.

Pirandello alla cerimonia di premiazione del Nobel: 10 Dicembre 1934Il 10 Dicembre 1934, Luigi Pirandello ricevette a Stoccolma il Premio Nobel per la Letteratura [16].

La motivazione

“For his bold and ingenious revival of dramatic and scenic art 

– Per lo  schietto e geniale rinnovamento da Lui proposto nell’arte scenica e drammatica – ”,

pur senza tralasciarne l’esperienza narrativa, si riaggancia – è evidente nel discorso di Per Hallström, segretario permanente dell’Accademia di Svezia disponibile qui -, alla genialità [17] ispirata dello scrittore e drammaturgo e, oltre che alla coraggiosa – talora desolata – iniziativa di sperimentazione,

Luigi Pirandello, premio Nobel per la Letteratura 1934 - Il fotomontaggio, di immagini a bassissima qualità reperite sul web, è invece mio. I diritti appartengono ai rispettivi proprietari

Luigi Pirandello, premio Nobel per la Letteratura 1934 – Il fotomontaggio, di immagini a bassissima qualità reperite sul web, è invece mio. I diritti appartengono ai rispettivi proprietari

alla carica di modernità, tuttora insuperata, del suo Teatro, che tuttavia spesso gli alienarono il favore del pubblico, degli ‘addetti ai lavori’, della critica (o almeno parte consistente di essa), del potere: che non riuscivano a comprenderlo né a incapsularlo, a strumentalizzarlo.

Marta Abba, in una lettera da Milano indirizzata al Maestro a Praga, e che porta la data del 14 Dicembre 1934, risponde riferendogli risonanze e al contempo compenetrandosi nella stanchezza e nell’animo del suo amico e mentore, del quale non sottace l’anzianità né tuttavia la fibra. Nel comprenderlo e confortarlo allo stesso tempo, e non l’unica volta, lo ammonisce indirettamente, sentendo di poterselo permettere, e non esita – lei che peraltro rifugge dall’adulazione non ritraendosi da talune durezze -, a fargli notare:

Busta che contenne l'avviso di conferimento del Premio Nobel da Stoccolma; cartolina indirizzata presso Villino Abba, Lido di Camaiore: sulla scrivania di Pirandello nello studio in Via Antonio Bosio 15, Roma

Busta che contenne l’avviso di conferimento del Premio Nobel da Stoccolma; cartolina indirizzata presso Villino Abba, Lido di Camaiore: sulla scrivania di Pirandello nello studio in Via Antonio Bosio 15, Roma

«Caro Maestro,

la sua lettera di due giorni fa mi porta l’eco dei suoi [18] trionfi e delle feste che ha avuto, clamorosi. Dai nostri giornali abbiamo seguito le fasi, un bell’articolo sul Corriere illustrava la cerimonia solenne della premiazione, ieri, una fotografia, sempre sul Corriere, di Lei con la più grande scrittrice svedese. Immagino, caro Maestro, la sua stanchezza e ora quello che la aspetta a Praga… fortunatamente Lei è così forte!» [19]

banchetto al nobel 1934Malgrado il riconoscimento di spicco e la valutazione eccelsa, in Italia i festeggiamenti furono tuttavia più radi [20] di quali ci si sarebbe aspettato: peraltro Pirandello non ambiva ad essi e non solo per il carattere schivo e semplice. Negli anni – e purtroppo sia dalla riflessione esigente sia per esperienza di vita ne aveva ben donde -, il suo senso di solitudine e di ‘esclusione’ lo avevano spesso sopraffatto, divenendo una condizione esistenziale inestirpabile.

La targa del Premio Nobel, nello studio di Pirandello a Roma, via Antonio Bosio 15

La targa del Premio Nobel, nello studio di Pirandello a Roma, via Antonio Bosio 15

L’anno successivo, inaspettatamente – e non solo dacché l’evento su cui era incentrato il documentario era.. dell’anno precedente! -, Marta Abba nella lettera del 18 dicembre 1935 [21] dà vita, con ogni probabilità inconsapevolmente, ad uno scenario particolarissimo: se stessa al cinema con il Maestro [22].

Nel vertiginoso caleidoscopio di dilatate lontananze che ci si presenta alla mente, ricordiamo che l’attrice era però a Milano, Pirandello a Roma: e.. da Stoccolma, per di più da un anno di distanza, provenivano i fotogrammi che tanto avevano colpito la Abba (segue infra).

E lei al Maestro li ripropone, in una rilettura in cui non paiono mancare nodi commoventi di ammirazione – per lo scrittore e l’uomo di teatro e la guida non meno che per l’uomo -, di affetto e coinvolgimento, un’intimità e un’intesa profondi, che forse si possono indovinare, tra il ‘non dire dicendo’ e il ‘dire non dicendo’:

Pirandello alla cerimonia di premiazione Nobel, 10 Dicembre 1934“Sono stata, dopo parecchi giorni di permanenza in casa, fuori con Lei ieri sera al cinema, felice di vederla nel film-Luce [23] in occasione della consegna della medaglia “Nobel”.

E’ fotogenico in modo straordinario, e Le ho già detto la sua testa si stacca con linee scultoree magnifiche di bellezza„

____________________

Bibliografia e Video

(nella sezione successiva, Crediti)

[1] ** Al carteggio, che anche secondo gli specialisti meriterebbe ben maggiore attenzione, come pure alla novità dell’interpretazione attoriale in Pirandello quale fu incarnata da Marta Abba, qui si accenna soltanto, come anche in quest’altro post su Nephelai: “A Marta Abba per non morire: il ricordo di lei”.

Talune considerazioni, col dovuto rispetto, saranno riprese e sviluppate altrove.

[2] Nell’Introduzione, p. 10, al libro di Marta Abba, Caro Maestro… Lettere a Luigi Pirandello (1926-1936), a cura di Pietro Frassica, Milano : Mursia c1994.

Pirandello's love letters to Marta Abba, copertinaFrassica era professor di Letteratura italiana alla Princeton University, NewJersey, destinataria della donazione delle lettere indirizzatele da Pirandello da parte di Marta Abba nel 1986 e pubblicate negli Stati Uniti nel 1994 (mi pare inizialmente in una selezione in lingua inglese – vedi articolo su Italica, 72/3) e successivamente in Italia -non peraltro tutte-, in Luigi Pirandello, Lettere a Marta Abba, a cura di Benito Ortolani, Milano : Arnoldo Mondadori, 1995.

Marta Abba sarebbe scomparsa il 24 Giugno 1988; le lettere scritte a Pirandello da lei sarebbero state invece ereditate dalla sorella Cele (anch’ella attrice e interprete del personaggio di Diamante nella prima dei Giganti della Montagna al Giardino di Boboli, nel 1937) e in seguito dai nipoti; sono state pubblicate nel su citato libro a cura di P. Frassica nel 1994.

Marta Abba

Marta Abba

[3] Frassica allude, mediante l’aggettivo “inutile”, ad un passaggio di una lettera di  Marta Abba scritta da una Messina che ancora recava i segni della devastazione del terremoto, il 12 aprile 1930 (in Abba, Caro.. cit., pp. 77-78): in cui l’attrice, stanca dopo le prove ma più per le preoccupazioni e gli attacchi che riceveva sul lavoro, e ferita dai rimproveri di un esigente, disperato (anzi disperatissimo, direbbe Pietro Citati) Pirandello, definiva le lettere di lui

«volumi di parole inutili, che mi contristano, mi irritano, mi fanno star male!»

Sulla valenza di quell’«inutili» non ci si sofferma qui: anche su ciò in seguito si avrà forse modo, mai mancando all’obbligo, al desiderio e all’istanza del rispetto, di sviluppare alcune riflessioni.

Sulla scrivania di Pirandello nella casa di Via Bosio 15, Roma, carte e documenti dal portafogli: carta di libera circolazione sulla linea ferroviaria del 1930 e foto con autografo di Marta Abba tutta gualcita

Sulla scrivania di Pirandello nella casa di Via Bosio 15, Roma, carte e documenti dal portafogli: carta di libera circolazione sulla linea ferroviaria del 1930 e foto con autografo di Marta Abba tutta gualcita

[4] Pirandello nell’epistolario più volte (alcune per tutte: nelle lettere del 4 Aprile del 1929 e del 9 Giugno dello stesso anno, in Lettere.. cit.) rassicura l’interlocutrice di lacerare le sue lettere subito dopo averle lette: tuttavia ciò non implica – né risulta dalle risposte di Lui – che ella abbia corrisposto esprimendosi esplicitamente come Egli desiderava.

[5] Vedi nota 1**.

[6] Cfr. inoltre le considerazioni di Frassica in A Marta Abba per non morire. Sull’epistolario inedito tra Pirandello e la sua attrice, Milano : Mursia 1991, p. 122 e in Abba, Caro.. cit., pp. 23-24, ma in generale da p. 20; se peraltro non isolate nel panorama della critica, assai rare.

[7] Nella definizione ci si riferisce a Quando si è Qualcuno, dramma di Pirandello del 1932, rappresentato nel 1933. Qui è disponibile il testo.

Marta Abba, foto Moreschi

Marta Abba, foto Moreschi

[8] L’attento, non meno che sensibile, curatore Benito Ortolani nell’introduzione a Luigi Pirandello, Lettere a.., cit., p. xi, esordisce chiarendo che

“Marta [gli] confidò più volte che si era determinata a questo passo «per far capire quanto avesse sofferto quell’uomo», e soggiungeva che per lei era molto importante farlo conoscere nella sua infelicità esistenziale”:

e ciò malgrado l’attrice “per decenni” avesse evitato di fatto la pubblicazione dell’epistolario, pur talora considerandone l’opportunità.

Luigi Pirandello – Orio Vergani, uno degli Undici del Teatro d’Arte –qui su Nephelai – e fratello della Vera interprete della Figliastra nella prima del Sei personaggi in cerca d’autore diretta da Dario Niccodemi, ne ricorda, nel modo grossolano che gli è forse consono, in Misure del tempo. Diario, a cura di Nico Naldini, Milano, Baldini & Castoldi, 2003, pp. 39-41 – qui un’anteprima – , un’occasione fallita dacché Marta Abba accortamente e insieme, credo, per ritegno e delicatezza dissimulati dietro l’usuale velo di ruvidità, se ne ritrasse: per il (ben comprensibile)

“pudore – notava Ortolani che a Vergani non fa cenno – d’infrangere il velo di riserbo su un rapporto d’amore che i più non avrebbero capito e che forse qualcuno avrebbe profanato”.

Ritratti di Marta Abba nello studio di Pirandello, via Bosio 15, Roma

Ritratti di Marta Abba nello studio di Pirandello, via Bosio 15, Roma

[9] «Santa Marta», «eletta», «divinità» “adorata” e «premio divino» sono alcune delle espressioni, ferventi di trasporto passionale e sentimentale e contemplata elezione, che Pirandello usa nelle lettere, ininterrottamente in un arco di tempo che va dal 20 Marzo del 1930 al 27 Gennaio del 1931, dall’Aprile del 1930 al Novembre inoltrato del 1936, sino alla malattia fatale.

Un’elezione fondata non “teisticamente” – è anche la nota di Ortolani, Lettere cit., cfr. anche p. xix – ma sulle qualità umane e morali della donna.

Si veda anche, ma non solo, Donne e teatro. Atti del Convegno, Venezia, Auditorium Santa Margherita 6 ottobre 2003, a cura di Daria Perocco, n. 5, pp. 146-147; reperibile qui.

Una volta per tutte, si sottolinea che le occorrenze testuali e bibliografiche riportate sono consapevolmente incomplete: ma alla mancanza di esaustività compensa, in parte!, che non siano mai di seconda mano.

[10] Nella lettera del 7 Marzo del 1931, da Parigi a Marta Abba a Firenze, Pirandello scrive un passo esemplare, che riferisce direttamente ai Giganti della Montagna ma per esteso all’ultima voluta della sua opera:

Pirandello dopo Nobel 12 Dicembre 1934 ringrazia i lettori francesi_2«So io che sforzi faccio per tirarmi su da questa morte, e lavorare, come sto lavorando! Non potrei farlo, se non ci fossi Tu, il pensiero continuo di Te, l’immagine Tua che viene come un Angelo a porgermi la mano; e poi subito si cangia e diventa come una fiamma che mi riaccende l’estro, incarna il personaggio della Contessa, m’illumina tutta la scena, mi detta le parole, mi apre tutte le vie per andare avanti, fino in cima alla Montagna. E tutte le potenze del mio spirito, così accese da Te, mandano lume, Marta mia, e creano quest’opera insolita, magica, che non ha riscontro in nessun’altra, e resterà unica al mondo: opera Tua».

Cfr. Lettere…, cit., p. 675.

Pirandello dirige Marta Abba e Lamberto Picasso ne La nuova colonia, 1928.

Pirandello dirige Marta Abba e Lamberto Picasso ne La nuova colonia, 1928.

[11] Si legga Gaspare Giudice, Luigi Pirandello, Torino : UTET 1963 (rist. 1980) p. 509:

“quali che possano essere oggi le nostre riserve critiche sull’opera ispirata dall’attrice, dobbiamo testimoniare, sul piano diverso della biografia dello scrittore, questo avvenimento finale dell’amore e dell’illusione, dell’incantarsi e del soffrire, un rivolo di speranza e di umano impegno che fu anche, nonostante tutto, un ricupero di beni perduti, mai prima posseduti” (il corsivo è mio).

[12] L’espressione è di Ortolani, in Lettere.. cit., p. 1418.

[13] L’espressione è di Frassica in Abba, Caro.. cit., p. 19.

[14] Vedi n. 4.

Pirandello con Marta Abba (venuta a salutarlo) e Paola Masino a Genova all'imbarco per Buenos Aires sulla Duilio: 17 Agosto 1933

Pirandello con Marta Abba (venuta a salutarlo) e Paola Masino a Genova all’imbarco per Buenos Aires sulla Duilio: 17 Agosto 1933

[15] Si cita p.es. la lettera di Marta Abba dell’1 Agosto 1931 (in Caro Maestro.., cit., p. 204), che, come alcune delle precedenti del Luglio, intrise di progetti sul piano professionale e di formazione personale e intellettuale da parte della Abba come di incertezze e momenti di ponderazione sul lavoro, e punteggiate di qualche cenno sulla vita privata, in Pirandello suscitano il senso di ricevere finalmente una

«lettera – questa sì – tutta […] della ‘sua’ Marta» :

è la lettera del 3 Agosto del 1931, in Pirandello, Lettere.. cit., p. 843. Il mio corsivo sostituisce “mia”; l’inciso e le virgolette, a sottolineare la gratitudine di ricevere una lettera più personale e intima, così come continuamente Egli le implorava, e con uno

«spirito di presenza viva e vera in tutto ciò che scriveva» – si cita la lettera del 2 Aprile del 1930, in Lettere.. cit., p. 350 –, sono immesse da Pirandello.

Pirandello poco dopo non dissimula la felicità e il trasporto di ricambiare, nella lettera dell’11 Agosto del 1931 (in Lettere.. cit., p. 855), quel senso di identità e di coinvolgimento:

Marta Abba specchio«Sono felice, Marta mia, che Ti stai divertendo, e che mi dici tutto come a un’altra Te stessa. Sono, sono veramente un’altra Te stessa, come Tu sei per me un altro me stesso, in tutto, in tutto e per tutto».

[16] Qui un videoclip, da nobelprize.org, della cerimonia del 1934, «From SF Veckorevy 1934-12-10. Copyright © Sveriges Television AB 2005».

Pirandello intervistato dopo il Nobel, 12 Dicembre 1934Dallo stesso sito si segnala qui il ringraziamento in lingua da parte di Pirandello ai lettori francofoni.

[17] Tra l’altro Hallström nel suo: P. Hallström, Luigi Pirandello. The Nobel Prize in Literature 1934, in Nobel Lectures. Literature 1901-1967, Amsterdam 1969), rilevò:

“L’esuberante manifestazione di un sentire appassionato e di un’attività intellettuale di superiore caratura, carica di poesia, costituisce la vera ispirazione del genio”.

[18] Marta Abba né nell’epistolario né nella frequentazione comune né nel ricordo ha mai cessato di rivolgersi o di alludere a Pirandello con il Lei né di usare sempre e unicamente l’appellativo di Maestro.

[19] In Caro Maestro.. cit., pp. 270-271.

Didascalia scritta da Stefano Pirandello:(Oggi 9 novembre 1934 mio Padre scriveva a macchina su questo foglietto mentre i fotografi e i cinematografisti lo riprendevano in posa). Stefano Pirandello. Data del (Conferimento del Premio Nobel)

Didascalia scritta da Stefano Pirandello:
(Oggi 9 novembre 1934 mio Padre scriveva a macchina su questo foglietto mentre i fotografi e i cinematografisti lo riprendevano in posa). Stefano Pirandello. Data del (Conferimento del Premio Nobel)

[20] Si legga per esempio la utile e gettonatissima Biografia di Pirandello a cura di Giuseppe Bonghi, qui, 07-b: Il premio Nobel, pag. 3 di 12. La biografia si trova anche su PirandelloWeb ma in altra stesura.

Pirandello immortalato dai fotografi alla notizia del conferimento del Nobel (mentre scrive: "Pagliacciate!") - Studio di via Antonio Bosio 15, Roma, 9 Novembre 1934

Pirandello immortalato dai fotografi alla notizia del conferimento del Nobel (mentre scrive: “Pagliacciate!”) – Studio di via Antonio Bosio 15, Roma, 9 Novembre 1934

Peraltro, Pirandello non aveva esitato a definire una volta di più onori feste e attenzioni dettate dalle occasioni: «pagliacciate», nel famigerato foglio “monodattilo”-scritto a macchina mentre veniva immortalato nel suo studio dai paparazzi sovreccitati dalla notizia del conferimento del Premio Nobel, il 9 Novembre 1934.  Cfr. p.es. Giudice, Luigi Pirandello, cit., p. 531.

[21] In Caro Maestro.., cit., p. 324.

Pirandello con Marta Abba e Sir James Barrie - LIFE 28 dic 1936, London

Pirandello con Marta Abba e Sir James Barrie – LIFE 28 dic 1936, London

[22] Effettivamente insieme con il quale peraltro ricordiamo che talora frequentasse i teatri, come spettatrice, a Berlino nei cinque mesi di ‘esilio’ condivisi – vicini e lontani allo stesso tempo – e occasionalmente a Londra e altrove. Un riferimento per tutti, la nota di Ortolani, in Lettere.. cit., p. 58.

[23] Forse Marta Abba si riferisce al Giornale Luce B0596 del 12/1934, su ripreso, disponibile sul canale YouTube di CinecittaLuce.

..et quod sequitur…

Maria Amici

_______________________

Crediti

Ringrazio Silvia Montanari per la gentilezza, l’umanità e.. la possibilità di condividere con lei la viva passione per Pirandello, per la sua personalità e per i suoi scritti. Silvia ha recentemente proposto il link del “film Luce” qui riportato, che mi ha richiamato alla memoria le parole di Marta Abba nella lettera al Protagonista.

Di Silvia, è un piacere segnalare i blog Ab hic et ab hoc con il suo Dicono di Pirandello  e “La Locandiera” e, in esso, post interessantissimi, tra i quali il ricordo del comico Ettore Petrolini affidato a Pirandello e Petrolini e soprattutto di Una prima tumultuosa, quella dei Sei personaggi in cerca d’Autore a Roma il 10 Maggio 1921, di un incontro fatidico in Un drammaturgo, un’attrice e una città!, tra Luigi Pirandello e Marta Abba, e un interessante giro Nello studio di Pirandello, nelle parole di Giovanni Macchia

“casa viva degna di uno scrittore più che mai vivo!”

E come dargli torto..?

Maria Amici

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emeroteca Maurolico Messina

Emeroteca del Liceo Classico "Maurolico" di Messina

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Oggi nella Storia

"Oggi nella Storia" è un almanacco storico. Ogni giorno, scorrendo il calendario all'indietro, l'appuntamento con un avvenimento del passato.

Non solo Mozart

Il blog di Rita Charbonnier: scritture, ascolti, visioni

Nephelai

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Musica & Multimedia - Il blog di Andrea Amici

Pensieri, opinioni, attualità attraverso il labirinto della conoscenza umana

Il Blog di SanPaoloStore

Il Blog Ufficiale di San Paolo Store. Trovi recensioni e consigli su libri italiani, libri religiosi, libri per bambini, film in dvd e musica , oggetti sacri e articoli religiosi disponibili all'acquisto su SanPaolostore.it

Profumo d'antan

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

LA LOCANDIERA

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

Andrea Amici

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Non solo Mozart

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: