Archivi categoria: Voci e visi dal passato

Parla di Nephelai…

mia elaborazione di una schermata della home page di PirandelloWeb

mia elaborazione di una schermata della home page di PirandelloWeb

Forse qualcuno ricorderà quando emozionata ho riferito d’esser stata ospitata tra i contributi del sito-portale PirandelloWeb (che invito tuttora a sostenere)…

Qualche tempo invece fa ho ricevuto un messaggio da parte di Michaela Di Cesare, assai interessante  commediografa canadese (vincitrice dei MECCA awards nel 2011 ‘for Best

Accoglienza di 8 ways… di M. Di Cesare

Text’), che mi ha chiesto un’informazione relativa ad Antonietta Portolano, la moglie di Luigi Pirandello, sulla quale sta scrivendo.

Antonietta Portolano

Antonietta Portolano

Sono ben lieta della possibilità d’esser stata “tempestivamente” utile alla Lettrice e all’Artista, nel mio “In morte di Antonietta“, ed ivi l’ho peraltro ringraziata per avermi dato modo di aggiungere al post, dopo la mia ricerca, la notizia che Lei cercava.

Ringrazio ancora di cuore l’attenta scrittrice per aver ritenuto di segnalare il contributo e la mia pagina su Antonietta sul suo Diario di Facebook, con parole di stima nei confronti miei, dello studio e della passione che mi animano:

«This wonderful Italian scholar and blogger absolutely saved my life by telling me where Antonietta is buried.
I’m so saddened by how close I came to the site this past summer in Rome. I wish I had visited you, Mrs. Pirandello».

Veduta cimitero monumentale Verano immagine già su web Romasparita.eu

Veduta cimitero monumentale Verano. immagine già su web Romasparita.eu

Condivido anch’io il desiderio di soffermarmi sulla tomba di Antonietta: e quanto di più peraltro avrei voluto visitare la casa di Pirandello in via Bosio, o meditare accanto alla sua (involontaria) sepoltura…

Il Villino di via Antonio Bosio in una foto d'epoca via web studiodiluigipirandello.it

Il Villino di via Antonio Bosio in una foto d’epoca via web studiodiluigipirandello.it

La tomba di Pirandello al Caos, via http://pirandellowebblog.blogspot.it

La tomba di Pirandello al Caos, via http://pirandellowebblog.blogspot.it

Felice e grata di aver avuto la possibilità di entrare in contatto con chi guarda con occhi e cuore d’artista la figura di Luigi Pirandello e di quanti gli furono intorno, ringrazio ancora Michaela, e resto in attesa di poter leggere la commedia in preparazione, augurandole ogni bene.

E’ così suggestivo sentir ‘vivere’ quali personaggi il Maestro e la sua famiglia, i suoi cari, e insieme coglierne i palpiti di vita nella nostra, e talora gli spasimi: più ancora forse sentirli vivere, pirandellianamente, avendo acquisito una propria autonomia, nelle mille sfaccettature prismatiche delle risonanze che ognuno di noi percepisce ed esprime, nella passione per la lettura e talora nell’empatia che risentiamo per Luigi Pirandello…

..et quod sequitur…
Maria Amici

Annunci

Ciao, Vittorio…

desica-41374513Quarant’anni fa moriva Vittorio De Sica.

Dell’uomo ricco di ironia e spirito, dell’attore brillante e del regista profondoVittorio_De_Sica mi piace ricordare, in particolare, un film che ho visto e rivisto e sento particolarmente intenso:

“Il generale Della Rovere”, di Roberto Rossellini


Ricordo di Arnoldo Foà

ArnoldoFoà via arnoldofoa.it per essere attori

.

“Per essere attori bisogna prima di tutto essere„

la sua incisiva epigrafe che presenta l’uomo di teatro, il regista, l’attore, attivo nel cinema e nella tv sin dagli albori della RAI, non meno dello scrittore.

Dentro chi di noi non vibra ancora la voce* profonda, segnata, indimenticabile, di Arnoldo Foà? [*vd. infra]

ArnoldoFoà via arnoldofoa.itL’uomo, attraversato un secolo (era nato nel 1916), è morto oggi, 11 gennaio 2014: ma Arnoldo Foà è ancora vivo, in chi vuol risentire anche solo in una sua dizione di poesia, una fra le miriadi, o persino nella battuta di uno dei tanti -valevoli- sceneggiati del passato, l’afflato della Cultura vissuta in prima persona, in un progetto esistenziale che affratella purtroppo pochi.

Pirandello conversa con Ruggeri al teatro Argentina

Pirandello conversa con Ruggeri al teatro Argentina

Tra i tanti (da Ibsen a Anouilh a Shaw, da Eschilo a Sofocle a Euripide, da Shakespeare a Molière a Turgenev, da Plauto a Rosso di San Secondo a Hugo a Cecov…,  -ma con impegno particolarmente sentito-, di Pirandello Foà fu spesso interprete:

recitò nell‘Enrico IV con Ruggero Ruggeri nel 1945,

Diana e la Tuda, 1971

Diana e la Tuda, 1971

fu Diego Spina nel Lazzaro di Claudio Fino del 1952,

il Prof. Barranco in Ma non è una cosa seria di Squarzina nel 1957 con la compagnia Pagnani-Villi-Foà-Ferzetti;

in Maschere Nude, regia di Puggelli, nel 1975, interpretò il dottor Hinkfuss, e lo stesso personaggio in

Diana e la Tuda, 1971

Diana e la Tuda, 1971

Questa sera si recita a soggetto, regia di Parodi, nel 1982;

inoltre, fu ne L’Ultimo Viaggio di Pirandello di B. Belfiore, regia di P. Gazzara, del 1991.

Diana e la Tuda, 1999

Diana e la Tuda, 1999

Prestò la propria regia anche alla lirica, mettendo in scena l’Otello di Giuseppe Verdi, Il pipistrello di Strauss e, come aveva fatto, da pioniere, lo stesso Pirandello del Teatro d’Arte di Roma il 28 aprile 1925 alla presenza del compositore, l’Histoire du soldat, di Igor Stravinskij.

Diana e la Tuda, 1999

Diana e la Tuda, 1999

Ma di Diana e la Tuda nel 1971 a Palermo, nel 1979 a Roma con Paola Pitagora, nel 1984 e poi nel 1999-2000 con Giada Desideri, offrì una propria lettura sia nell’interpretazione di Giuncano sia nella regia: qui sul meritorio PirandelloWeb gli Appunti di regia di Arnoldo Foà, una sua penetrante riflessione che ben lumeggia un’opera di Pirandello spesso fraintesa o trascurata dal pregiudizio e dall’oblio.

Ci lascia con ironia, Foà** [vd. infra], la stessa di cui diede prova in Io sono il teatro: Arnoldo Foà raccontato da Foà***.

Un addio senza tempo.

In perpetuum, frater, ave atque vale 

..et quod sequitur…
Maria Amici

n.b. Le immagini di Arnoldo Foà sono tratte dal sito ufficiale.

*Il canto I dell’Inferno recitato da Arnoldo Foà

*Una Lectura Dantis

***Io sono il teatro, film-documentario di Cosimo Damiano Damato, “fra ironia, poesia e impegno civile”

**Buonasera


In memoriam

.

In memoria di

Luigi Pirandello

10 dicembre 1936

.

..et quod sequitur
Maria Amici
10 dicembre 2013

immagine di base reperita su web – via medias.en.expertissim.com – con modifiche personali e citazione (c)

immagine di base reperita su web con modifiche personali e citazione (c)


Un reperimento prezioso: Il fu Mattia Pascal di L’Herbier

Ivan Mozzhukhin carismatico interprete del protagonista ne Le feu Mathias Pascal, film di Marcel L'Herbier, 1926

Ivan Mozzhukhin, carismatico interprete del protagonista ne Le feu Mathias Pascal, film di Marcel L’Herbier, 1926*

Per i cultori, la possibilità inaudita – e, ritengo, il privilegio – di vedere, in italiano, il raro, prezioso film di Marcel L’Herbier, Il fu Mattia Pascal: denso di soluzioni tecniche interessanti e interpretato dal fascinoso Ivan Mozžuchin (o Mosjoukine), attore dotato di una recitazione equilibrata e carismatica…

Marcel L'Herbier, Pirandello e Ivan Mozzhukhin (Yvan Mosjoukin) 1925. Foto d'occasione per il film Il fu Mattia Pascal

Marcel L’Herbier, Pirandello e Ivan Mozzhukhin (Yvan Mosjoukin) 1925. Foto d’occasione per il film Le feu Mathias Pascal

..Talmente incisiva che, lessi, a distanza di anni lo stesso Pirandello, quando ripensava al suo Mattia, lo visualizzava nei modi e nel viso di Mosjoukine…

Feu Mathias Pascal Ivan Mozzhukhin (Yvan Mosjoukin) et Lois MoranLo avevo cercato parecchio, ma quando era ancora indisponibile, nei mesi prima dell’estate.

.

Un grazie, di cuore, a Laura Nasta per l’erudita segnalazione e a Pirandelloweb per averla ospitata.

.

.

N. B.:

I diritti appartengono ai rispettivi proprietari: l’indicazione su questo blog è effettuata esclusivamente per motivi e a finalità di studio, e mai di lucro.

*L’anno di produzione del film nelle attestazioni reperite curiosamente oscilla tra 1924, 1925, 1926; ugualmente l’ortografia del cognome dell’attore protagonista.

..et quod sequitur

Maria Amici


In memoriam…

 

( il fotomontaggio è mio, le immagini di base sono reperite sul web )

( il fotomontaggio è mio, le immagini di base sono reperite sul web )

.

Condividiamo la venerazione, Marta

.

….et quod sequitur..

Maria Amici


The Castle walk…

Irene e Vernon Castle - Immagine reperita sul web: allstarpics.net

Immagine reperita sul web: allstarpics.net

Emergono dal passato nel fascino del seppia e del bianco e nero, dei filmati dalle movenze innaturali,  che la vista della mente di continuo, pazientemente, invano corregge.

Irene e Vernon Castle: considerati, negli anni del ragtime, gli ideatori dell’one-step e del turkey trot, e di alcuni passi innovatori nel fox trot, furono una coppia di ballerini attiva negli anni Dieci, sino alla prima Guerra mondiale

immagine reperita sul web: digitalgallery.nypl.org

immagine reperita sul web: digitalgallery.nypl.org

– nell’ultimo anno di guerra, Vernon sarebbe morto, a 31 anni. Irene avrebbe continuato talora a danzare, a lavorare come attrice, costumista, sceneggiatrice; avrebbe sposato più volte, sarebbe divenuta ricchissima e, pare, infelice. –

.

Iniziata la loro carriera e la loro vita matrimoniale nel 1911, Vernon e Irene Castle, insieme, avrebbero contribuito a render popolari appunto il fox trot, ma anche l’Hesitation Waltz, il Maxixe…

.

immagine reperita sul web: britannica.com

immagine reperita sul web: britannica.com

.

.

immagine reperita sul web: britannica.com

immagine reperita sul web: britannica.com

.

Avrebbero inoltre modificato alcuni passaggi nel tango, con alcuni passi a mani libere.

Il loro innovativo tango a mani libere - immagini reperite sul web: en.wikipedia.org/wiki/Vernon_Castle

immagini reperite sul web: en.wikipedia.org/wiki

.

Irene e Vernon Castle nel loro “abbraccio morbido”.

Irene e Vernon Castle nel loro "abbraccio morbido" - immagini reperite sul web: wikimedia

Irene e Vernon Castle nel loro “abbraccio morbido” – immagini reperite sul web: wikimedia

.

.

.

.

.

.

.

.

Irene Castle nel costume preparatole da "Lucile" per Watch Your Step - SEGUE - immagini reperite sul web: en.wikipedia.org/wiki/

Irene Castle nel costume preparatole da “Lucile” per Watch Your Step – immagini reperite sul web: en.wikipedia.org/wiki/

La coppia nel 1914 partecipò a Watch Your Step, il musical con cui esordì Irving Berlin, al New Amsterdam Theatre di New York.

.

immagini reperite sul web: home.sandiego.edu

immagini reperite sul web: home.sandiego.edu

.

.

.

.

.

.

.

Eccoli insieme…

.

Neanche a dirlo, sull’affiatata coppia fu successivamente realizzato un film, che ebbe come interpreti d’eccezione Fred Astaire e Ginger Rogers: The Story of Vernon and Irene Castle (1939). Naturalmente lo stile di ballo è più quello del secondo, oggi più famoso, duo…

Ci accomiatiamo su un’altra celeberrima loro creazione: la Castle walk (il filmato è del 1915).

Le immagini riprendono il loro ritmo vertiginoso, Vernon e Irene il loro cammino che la Storia e la Vita interruppero. Noi il nostro.

Emergono dal passato, i ricordi, il senso d’appartenenza,  nel fascino del seppia e del bianco e nero…

E la nostalgia lancinante del perduto per sempre, del volo interrotto, di un cammino impossibile.

“Era il nostro vizio, questo: d’andare avanti con la testa sempre voltata all’indietro…„

Maria Amici


Emeroteca Maurolico Messina

Emeroteca del Liceo Classico "Maurolico" di Messina

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Oggi nella Storia

"Oggi nella Storia" è un almanacco storico. Ogni giorno, scorrendo il calendario all'indietro, l'appuntamento con un avvenimento del passato.

Non solo Mozart

Il blog di Rita Charbonnier: scritture, ascolti, visioni

Nephelai

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Andrea Amici

Musica e scrittura nel labirinto della conoscenza umana

Il Blog di SanPaoloStore

Il Blog Ufficiale di San Paolo Store. Trovi recensioni e consigli su libri italiani, libri religiosi, libri per bambini, film in dvd e musica , oggetti sacri e articoli religiosi disponibili all'acquisto su SanPaolostore.it

Profumo d'antan

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

LA LOCANDIERA

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

Andrea Amici

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

Non solo Mozart

........................... phrontisterion sospeso di MARIA AMICI

existence !

blog de philosophie imprévisible, dir. Jean-Paul Galibert